Riforme Istituzionali
Osservatorio sulla devolution
Rassegna stampa
www.riforme.net

Corriere.it   29-07-2006

Intervista al governatore sui nuovi poteri regionali
«Lombardia autonoma, ecco come farò»
La mossa di Formigoni: avvio subito l'iter previsto dalla Costituzione, ne ho parlato con Prodi e Letta
 
Formigoni chiede al governo e al Parlamento maggiore autonomia per la Lombardia. «Non è né una ripicca, né una rivalsa sulla sconfitta al referendum spiega .
Chiediamo di poter fare le cose che ci servono e che possiamo fare meglio dello Stato». L'obiettivo? Energia a prezzi più bassi, maggiore indipendenza della scuola pubblica e privata, riconoscimenti anche economici per medici e infermieri, limiti sulle emissioni inquinanti più restrittivi per l'immatricolazione di veicoli nuovi, possibilità di accordi internazionali in materia di ricerca scientifica, snellimento dei processi civili attraverso un potenziamento delle strutture dei giudici di pace e delle camere di arbitrato e conciliazione.
Formigoni si appella all'articolo della Costituzione (il 116) sulle Regioni a statuto speciale, secondo il quale «ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia» su materie specifiche «possono essere attribuite ad altre Regioni». È un'iniziativa, quella del presidente lombardo, che richiede un accordo bipartisan, perché il progetto deve essere approvato dal consiglio regionale (guidato dal centrodestra) e poi «approvato dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di un'intesa fra lo Stato e la Regione interessata». Dunque è indispensabile un accordo con il centrosinistra: prima con il governo, poi con la maggioranza parlamentare.
 
Crede sia possibile arrivare a questo accordo?
«Giovedì il consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno nel quale si chiede, fra l'altro, di "attivare le procedure che l'attuale Costituzione consente per l'assegnazione alla Regione Lombardia di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia". Ds e Margherita hanno votato con la maggioranza, e questo è stato un gesto di coraggio particolarmente apprezzato. In Lombardia si è inaugurata una fase nuova, una fase di dialogo costruttivo. La nostra maggioranza è forte e autosufficiente, ma la proposta che porterò prima in giunta e poi in consiglio è aperta al confronto, alla discussione, al contributo di tutti. Poi partirà il negoziato con il governo».
 
Ne ha già parlato con il governo?
«Ne ho chiacchierato con il sottosegretario Letta e l'ho accennato al presidente Prodi».
 
Perché non ha chiesto più autonomia per la Lombardia quando al governo c'era Berlusconi?
«Per lo stesso motivo per cui non abbiamo ancora varato lo statuto regionale, e cioè perché serviva un quadro di riferimento normativo consolidato. Ora, dopo il risultato del referendum, sappiamo che questa è la Costituzione con la quale dobbiamo fare i conti e quindi ci muoveremo su due fronti: da un lato lo statuto, dall'altro l'articolo 116».
 
È il primo passo verso la costituzione di quel Lombardo-Veneto che nella Cdl qualcuno teorizza?
«No: è la Lombardia che diventa più autonoma. Credo che altre Regioni potrebbero percorrere la stessa strada, magari chiedendo maggiori poteri su altre materie. Guai a farne una questione ideologica.
Stiamo parlando di un regionalismo differenziato da maneggiare con grandissima cura e con molto spirito pragmatico. L'obiettivo è creare un vantaggio per i cittadini, non quello di conquistare un pennacchietto da mettere sul cappello».
 
Su quali materie chiederete maggiore autonomia?
«Premesso, come ho già detto, che la mia è una proposta aperta al dialogo e al confronto, i temi potrebbero essere quelli relativi alla salute, all'istruzione, all'ambiente, all'energia, alla ricerca scientifica e tecnologica, all'organizzazione della giustizia di pace».
 
Quali potrebbero essere i vantaggi per i cittadini?
«Partiamo dalla salute: una maggiore autonomia ci consentirebbe, ad esempio, di superare i limiti imposti dallo Stato in termini di posti letto per numero di abitanti per far salve le peculiarità territoriali pur nel rispetto degli equilibri fra entrate e spese. Penso poi alla scelta del modello organizzativo, al regime giuridico delle Aziende sanitarie, alle procedure di accreditamento. Infine i contratti di lavoro del settore e le convenzioni con i medici di medicina generale: potremmo chiedere di più in cambio di remunerazioni migliori».
 
Veniamo all'istruzione: la richiesta di maggiori poteri non è una scorciatoia per favorire le scuole private e quelle cattoliche in particolare?
«No: è la strada maestra per valorizzare i singoli istituti, pubblici e privati, il corpo docenti e il rapporto fra presidi e genitori. I programmi resterebbero quelli fissati a livello nazionale, salvo la piccola quota definita da ciascuna Regione, ma ogni istituto dovrebbe avere un'autonomia esasperata nella definizione dell'offerta formativa, nella gestione delle risorse finanziarie e umane. E anche in questo settore si potrebbe arrivare a una contrattazione decentrata per tradurre anche in termini economici la valorizzazione delle professionalità».
 
Passiamo agli altri temi.
«La Lombardia è tra le Regioni che consumano più energia e potrebbe trarre vantaggio da una maggiore flessibilità nell'approvvigionamento energetico. Potremmo chiedere allo Stato un'esenzione fiscale, dell'Iva per esempio, in cambio di misure per il risparmio energetico e della disponibilità a ospitare strutture come gli hub del gas. Per quanto riguarda la ricerca, infine, vorremmo avere la possibilità di stipulare accordi con altre Regioni o altri Stati, favorire la mobilità dei ricercatori e così via».
 
Resta il tema delicatissimo della giustizia.
«Della giustizia di pace, come prevede la Costituzione. Se riusciamo a farla funzionare meglio, possiamo sgravare quella ordinaria dalle cause minori che intasano i tribunali. E così pure con la valorizzazione delle camere di arbitrato e di conciliazione presenti nelle Camere di Commercio. Una giustizia più veloce è un fattore di competitività, perché gli investitori stranieri spesso sono spaventati dai tempi lunghi delle nostre controversie giudiziarie».
 
Presidente, non è che, perso il referendum, cercate di fare rientrare dalla finestra quello che è rimasto chiuso fuori dalla porta?
«No. Quello che ho in mente è un federalismo funzionale, cioè né ideologico, né di bandiera. Per questo credo che un accordo sia possibile e necessario».
 
Claudio Schirinzi



 
Indice "Rassegna Stampa"
 
 
Mailing List di Riforme istituzionali