Gli interventi di "Riforme istituzionali"

N 63 - 07/01/97
Franco Ragusa

Curiosita' (60-61)

Scritto da Franco Piodi :

FP> FR> Cosi', soltanto per curiosita': perche' quelli elettorali no?

FP> perche' non sono d'accordo sul collegio uninominale secco. Sui ng ho piu'
FP> volte sostenuto di considerare il sistema elettorale del tutto ininfluente
FP> per risolvere i problemi di un paese ed infatti in genere i paesi 'stabili' lo
FP> sono per cause diverse dal sistema elettorale come, a denti

Scritto da Matteo Incerti

MI> Anch'io ho firmato tutti i referendum di Pannella tranne quelli
MI> elettorali,perche' mi sono accorto che il sistema elettorale
MI> maggioritario non ha cambiato per niente le cose.La Dc e'piu' viva che
...
MI> doveva portare al voto per le persone?).E anche un sistema maggioritario
MI> puro non cambiera' le cose anzi le peggiorera'.
MI> E intanto ogni partito nuovo magari fatto di gente di buona volonta'
MI> verra' stroncato in partenza se non si accordera' con i vari Poli,

Scritto da g.bertazzo@iol.it (Giorgio Bertazzo)

GB> Questo va benissimo per eliminare una singola legge indesiderata priva
GB> di particolari connessioni, ma puo' facilmente avere effetti
GB> catastrofici quando si va a operare in una materia fortemente
GB> interconnessa come il sistema elettorale.
GB> Il grande imbroglio dei referendum pannelliani e' che, presi uno per
GB> uno, toccano questioni su cui mi ritengo in buona parte d'accordo, ma
GB> valutati per le loro conseguenze innescano effetti potenzialmente
GB> catastrofici.

Trovandomi perfettamente d'accordo su tutti e tre i punti toccati, vorrei togliermi una nuova curiosita'... anzi due.
La prima: al referendum del '93, come avete votato?
Mi spiego.
Ogni tanto si sente che con i referendum elettorali gli italiani si sono pronunciati chiaramente per un sistema maggioritario uninominale.
E giu' con le percentuali e quant'altro.
Oggi invece scopro che tre potenziali sostenitori del maggioritario, che presumo abbiano votato si' nel '93, sono pero', per vari motivi, poco convinti, se non addirittura contrari, della necessita' di abrogare la quota proporzionale.
E gia' questo non mi sembra di poco conto.

Seconda curiosita': nel '93, non avendo potuto toccare con mano le conseguenze provocate dalla nuova legge elettorale, se vi avessero proposto il medesimo referendum, come avreste votato?
Mi spiego anche su questo punto.
E' possibile ritenere un pronunciamento referendario una sorta di patto per la vita? Non e' che, una volta visti gli effetti pratici di un risultato referendario come quello elettorale, ci si potrebbe pentire della scelta fatta?
La domanda ha chiaramente uno scopo.
Penso, infatti, che molti di coloro che oggi non voterebbero si' per l'abrogazione della quota proporzionale, nel '93 l'avrebbero fatto.
Ed oggi, tutti quei potenziali si' (probabilmente anche i vostri), che possibilita' potrebbero avere di essere messi in discussione... ripensati?

Ciao


Intervento successivo

Intervento precedente


Indice Interventi

Indice Interventi (solo testo)