Gli interventi di "Riforme istituzionali"

N 87 - 25/02/97
Franco Ragusa

Re: Federalismo competitivo e federalismo di concertazione (int. 86)

Scritto da Francesco Paolo Forti:

FPF> Nel caso riportato nell'articolo in questione e' ovvio che i cittadini hanno la possibilita' di valutare i risultati dell'azione di governo e di come certe scelte si sono rivelate inutili o dannose. La competizione, nel federalismo, non e' comunque un obbligo ma e' una scelta resa possibile dall'autonomia che deve essere data.

Un piccolo appunto, mettendosi nei panni di chi governa e facendo l'avvocato del diavolo.
Il fatto che le scelte si siano rivelate dannose, non significa, pero', che chi le ha fatte possa essere giudicato per questo incapace o che la parte politica all'opposizione non avrebbe deciso lo stesso di fare le medesime scelte. C'e' infatti, a mio avviso, un problema di fondo da risolvere.
La competizione diventa, in determinate circostanze, una necessita' che potrebbe andare oltre le intenzioni della politica, una sorta di scelta obbligata e non tanto una "scelta resa possibile dall'autonomia".
Di fronte alla possibilita' di porre condizioni da parte del potere economico ("o mi prendete cosi', o vado altrove"), o c'e' un'intera struttura in grado di annullare la forza di ricatto; o e' evidente che un anello debole della catena spuntera' sempre fuori. E di anello debolo in anello debole, e' inevitabile che la competizione si sposti su dei livelli sempre inferiori, perche' sempre vi sara' qualcuno "al limite" costretto a subire il ricatto del potere economico.
Era un po' questo, a mio avviso, cio' che Marco D'Eramo cercava di sostenere nel suo articolo.


Intervento successivo

Intervento precedente


Indice Interventi

Indice Interventi (solo testo)